Disturbo ossessivo-compulsivo da relazione

Cos’è il DOC da relazione

Il Disturbo ossessivo-compulsivo da relazione è noto anche con l’acronimo R-OCD (Relationship Obsessive Compulsive Disorder). Con questo termine si fa riferimento ad una particolare condizione caratterizzata dalla presenza di dubbi ossessivi circa la propria relazione sentimentale o circa il proprio partner.

Tali dubbi originano dal bisogno, percepito da chi soffre di DOC da relazione, di avere l’assoluta certezza che la relazione che sta vivendo sia effettivamente quella giusta.

Le ossessioni relazionali possono essere orientate alla relazione, alle caratteristiche del partner o, come spesso accade, ad entrambi gli aspetti.

Ossessioni legate alla relazione

Tra le ossessioni incentrate sulla relazione, i principali temi su cui si focalizza il dubbio riguardano:

– Dubbi sull’adeguatezza della relazione (è la relazione giusta per me?)

– Dubbi sull’amore provato per il partner (lo/la amo abbastanza?”)

– Dubbi sull’amore provato dal partner (mi ama abbastanza?”)

Ossessioni legate al partner

Tra le ossessioni incentrate sul partner, i principali temi su cui si focalizza il dubbio riguardano le caratterstiche del partner, tra cui:

– Le caratteristiche fisiche ed estetiche (è abbastanza bello/a?)

– Le caratteristiche intellettive (è abbastanza intelligente?)

– I livelli di moralità (ha una moralità sufficientemente elevata?)

– Le abilità sociali (è abbastanza simpatico/a?)

– I livelli di stabilità emotiva (riesce a gestire adeguatamente le proprie emozioni?)

Caratteristiche del DOC da relazione

I dubbi sulla propria relazione o sul partner possano far capolino nella mente di qualsiasi persona impegnata in una relazione sentimentale. Per chi soffre di Disturbo ossessivo-compulsivo da relazione, tuttavia, tali dubbi sono pressoché costanti. Come in qualsiasi altra tipologia di DOC, le ossessioni relazionali sono contenuti altamente intrusivi ed indesiderati che la persona si sforza di scacciare a tutti i costi. 

Le ossessioni relazionali causano un notevole stato di sofferenza tanto a chi ne è vittima quanto al partner coinvolto nella relazione e possono così effettivamente contribuire al deterioramento della relazione.

Le ossessioni del DOC da relazione sono accompagnate da tutta una serie di compulsioni comportamentali e mentali volte a ridurre lo stato di disagio generato dal dubbio.

Purtroppo, pur riducendo momentaneamente l’ansia, sulle lunghe distanze, le compulsioni non fanno altro che alimentare il dubbio stesso creando un vero e proprio circolo vizioso.

Il R-OCD si associa tipicamente alle relazioni sentimentali. E’ tuttavia possibile che esso si manifesti anche in riferimento ad altre tipologie di relazioni strette come, ad esempio, quella con i figli o, addirittura, per chi ha una fede religiosa elevata, in quella con Dio.

Trattamento del DOC da relazione

Nonostante se ne parli sempre di più, il Disturbo ossessivo-compulsivo da relazione è una condizione che, ancora oggi, viene spesso sotto-diagnosticata e confusa con generiche problematiche relazionali sia da chi ne soffre, sia dalle persone a cui viene richiesto un aiuto.

Come già accennato, invece, il R-OCD è a tutti gli effetti un disturbo che, al pari del Disturbo ossessivo-compulsivo e di altre condizioni cliniche, presenta specifici fattori predisponenti e di mantenimento.

Per poter stare meglio e vivere serenamente la propria relazione è indispensabile lavorare su tali fattori, anche attraverso l’aiuto di un esperto del mestiere.

Essendo assimilabile ad un Disturbo ossessivo-compulsivo classico, anche per il Disturbo ossessivo-compulsivo da relazione la terapia più efficace sembra essere quella proposta dalla psicoterapia cognitivo-comportamentale.

Attraverso un percorso di questo tipo è infatti possibile identificare tutti quei circoli viziosi che, nel tentativo di liberarsi dal dubbio e dall’ansia, non fanno altro che contribuire a sprofondare ancor più nella sofferenza.

Il lavoro su tali circoli si incentra poi su due versanti:

Ristrutturazione cognitiva: consiste in un intervento incentrato sulla modifica dei pensieri e delle convinzioni disfunzionali che guidano le persone che soffrono di DOC da relazione

Intervento comportamentale: consiste nello svolgimento di alcuni esercizi espositivi utili a spezzare il legame tra ossessione e compulsione indebolendo i circoli viziosi tipici del Disturbo ossessivo-compulsivo da relazione.

In alcuni casi è poi utile un lavoro più specifico su alcuni aspetti di vita o alcune caratteristiche di personalità che contribuiscono allo sviluppo ed al mantenimento del disturbo. Tra queste troviamo, ad esempio, il perfezionismo o un senso di moralità e responsabilità eccessivamente elevati.

Per scoprire di più sul DOC potete visitare la seguente sezione

Se credete di soffrire di DOC da relazione, o conoscete qualcuno che potrebbe soffrirne, e desiderate ricevere informazioni più specifiche, potete invece contattare la Dr.ssa Drabik in questa sezione

DR.SSA MARTA J. DRABIK – PSICOLOGA PSICOTERAPEUTA COGNITIVO COMPORTAMENTALE
PISTOIA – MONTECATINI TERME – LUCCA

Pulizie di primavera ai tempi del Coronavirus

Questo periodo di emergenza sanitaria sta mettendo a dura prova ogni nostra abitudine, ci costringe a fermarci, ci isola dagli altri. 
Il Coronavirus gioca a scacchi con le nostre paure più profonde. Mette all’angolo le nostre certezze, ci costringe a rivalutare le nostre priorità, ci chiede di giocare la nostra mossa rimanendo fermi.

La società da sempre ci spinge a fare, ad essere pronti e scattanti il più possibile. Siamo abituati a correre, a non avere tempo per noi né per i nostri affetti.
Siamo così abituati alla mancanza di tempo che, una volta che quel tempo ci viene imposto, non sappiamo che farcene. Allora ci inventiamo il jogging, la spesa così necessaria, la passeggiata col cane e la visita ai parenti. 
Ogni cosa va bene, pur di non stare in quel tempo.

Cosa succederebbe, invece, se insieme all’immobilità fisica imposta, riuscissimo a fermare anche la nostra mente?
Forse, nella tragicità di questa situazione, potremmo scoprire qualcosa di interessante. Iniziando ad allenare la nostra mente all’assenza di movimento, disinnescando i pensieri, sentendoci semplicemente in diritto di penzolare in giro per casa, esplorando il nostro corpo e i viaggi della nostra mente, facendo pace con noi stessi.

L’esperienza clinica di queste ultime due settimane mi ha insegnato molto. Come al solito, i miei pazienti sono un’inesauribile fonte di conoscenza e meraviglia. Sono in contatto quotidiano con le paure delle persone, con la loro difficoltà a tollerare l’incertezza circa il futuro, eppure, in molti di loro, tra questi timori, ho potuto notare anche un incredibile cambiamento positivo. 
Per molti ha finalmente fatto capolino uno stato mentale nuovo, per certi versi sconosciuto.

La serenità. 

Spesso il lavoro terapeutico si incentra proprio sul ridurre la convinzione che sia necessario avere il pieno controllo della propria vita, organizzare minuziosamente il proprio tempo, essere forti e migliorare continuamente sé stessi alla ricerca di una perfezione tutto sommato inesistente. Molte volte la terapia, ridotta all’osso, rappresenta proprio un percorso di accettazione di noi stessi, spogliati di tutti i nostri abbellimenti che, alla fine, finiscono per renderci ciò che non siamo. 
Per molte persone compiere questo passo è veramente difficile. 
E, se qualcosa di buono c’è in tutta questa situazione, forse, sta proprio in questo passaggio.

Il Coronavirus ci ha obbligati a fare qualcosa che, senza un’emergenza di tale portata, non saremmo stati capaci di fare. 
Ci ha costretti a fermarci e permanere in uno stato di assenza di controllo. È arrivato e, in poche settimane, ha spazzato via le nostre certezze e le nostre priorità, ci ha spogliati dei nostri abbellimenti sbattendoci in faccia con violenza inaudita tutta la nostra fragilità di esseri umani.

Ed è proprio nel momento in cui riusciamo ad arrenderci a questa assenza di controllo, ad accettare che l’unica cosa che possiamo fare è restare fermi accogliendo la nostra vulnerabilità, proprio in quel momento, restiamo nudi. 
Costretti dal destino a fare quello che molti di noi temono di più: i conti con noi stessi. 
Non c’è più nessuna scusa, nessuna urgenza. Ci siamo noi e un sacco di tempo a disposizione.

Questo periodo ci obbliga a guardarci dentro per quello che siamo, a riscoprire interessi che non ricordavamo di avere, a prestare attenzione alle piccole cose, ad avere paura, a piangere e a rivedere le nostre priorità. Ed è in questo momento che, guardandoci allo specchio, possiamo scoprire in noi qualcosa di buono. 
Possiamo renderci conto che quel mostro da cui scappiamo da una vita non è poi così spaventoso. Se finalmente ci voltiamo a guardarlo, al di là di un’illusoria ombra terrificante, troveremo solo la nostra umanità. 

Non siamo perfetti, non potremo mai esserlo e, tutto sommato, va bene così. 
Noi andiamo bene così: nudi e fragili in mezzo ad una tempesta. 

Finalmente potremo comprendere che c’è di peggio rispetto a quei due chili di troppo, che anche se la nostra casa non è perfettamente pulita, l’importante è riempirla di cose e persone buone, che le corse esasperate servono a poco. Che tutto sommato potremmo accontentarci anche di molto meno. 
L’emergenza può aiutarci a fare le pulizie di primavera dentro noi stessi, eliminare il superfluo e tenere il necessario. 
Rispolverare i ricordi, far pace con noi stessi per quello che siamo, perché non possiamo, e non dovremmo volere, essere diversi. 

Ed è proprio questa pulizia, la ferma convinzione che c’è di peggio e l’accettazione della nostra immensa vulnerabilità che, in tutto questo caos, può donarci una nuova serenità di cui fare tesoro e da cui ripartire per un futuro diverso, forse migliore.

MARTA J. DRABIK – PSICOLOGA PSICOTERAPEUTA COGNITIVO COMPORTAMENTALE
PISTOIA – MONTECATINI TERME- LUCCA – CONSULENZA ONLINE